martedì 24 maggio 2011

Comunque non è questo il modo di fare disse il commerciante all'uomo del bar


Alibi

Comunque non è questo
il modo di fare
disse il commerciante
all'uomo del bar
domani sarà festa
in questo stupido paese
ma non per noi che stiamo a lavorar
L'uomo del bar
fece finta di niente
se ne andò tranquillamente
aveva tante tante tante cose da fare
che lui non ci poteva fare niente
A questo punto la signora disse "per favore
son qui da un quarto d'ora
e lei mi deve ancora servire"
"la prego signora mi scusi
che cosa vuole..."
"vorrei un'etto e mezzo di prosciutto
e un po' di cipolline ancora cipolline"
"va bene gliele incarto
così fanno 60.000 tonde
mi scusi non ho il resto
le do anche 400 caramelle "
"in cartone?!?"
"no!....sciolte....

Fu proprio in quell'istante
che la porta si aprì
entrò un uomo col vestito nero
e disse "tutti a terra faccia contro il muro
questa è una rapina per davvero
la donna fece un urlo acuto
e dopo svenne in mezzo a tutte le sue caramelle
e poi le cadde addosso lo scaffale
dei regali di Natale...
ale...male...ale...male
nessuno fuori si accorse di niente
la polizia arrivò dopo la gente
e fece un sacco di domande
e prese anche le impronte
poi disse al commerciante
lei deve sporgere denuncia
per adesso contro ignoti
ma vedrà che saran pochi
non si deve preoccupare
lei ci faccia lavorare
noi sappiamo come fare
deve solo collaborare

Lo portarono in questura
e lo fecero sedere
uscirà fra qualche mese
dice devono accertare
controllare verificare
analizzare
eventuali coincidenze
coincidenze
alibi.....alibi....
alibi alibi alibi alibi
alibi alibi alibi alibi

Va bé se proprio te lo devo dire non è che tu mi faccia poi impazzire Dio, ci resisto se non ci sei non muoio


Va bè (Se proprio te lo devo dire)

Va bé
se proprio te lo devo dire
non è che tu mi faccia poi impazzire
Dio, ci resisto
se non ci sei non muoio
non penso solo a te tutte le sere e
anche se non telefoni riesco a dormire
Va bé
se proprio te lo devo dire
le calze nere non mi fanno morire
eh, sarò strano
ma se non le hai non muoio
e poi ti prego non esagerare
se fai l'amore
non ti devi sforzare di urlare.
Va bé
se proprio te lo devo dire
fisicamente non sei fatta male
ma non esageriamo, eh..
non sei la Cardinale
e non sopporto che lo fai notare
con quel tuo modo ti prego di camminare
ma sì se proprio te lo devo dire
non mi dispiace che tu vada a sciare
no, si, con gli amici
ho capito,
no, non sono geloso
eh, perché mi fido è naturale
ah, ma allora vuoi litigare
tu vorresti a tutti i costi farmi ingelosire.
Guarda se proprio te lo devo dire
non è che tu mi faccia poi impazzire
Dio, ci resisto, insomma, se non ci sei
se non ci sei non muoio
eh, me la cavo
ma, insomma faccio adesso un lavoro
che ........sciocchezze...
non penso solo a te tutte le sere
se non telefoni ti giuro che riesco a dormire....
.....ciao....

lunedì 23 maggio 2011

E centomila occhi si voltarono a guardare il cielo con un sospiro leggero


Sballi ravvicinati del 3° Tipo

E centomila occhi si voltarono
a guardare il cielo
con un sospiro leggero,
da quella parte sì, e da quella parte che
sarebbero venuti, loro
l'aveva detto il vecchio pazzo
che abitava il monte
nessuno aveva dubitato
delle sue parole
avevano bisogno di loro
sarebbero venuti in volo.
E centomila cuori cominciarono
a sondare il cielo
con un sospiro leggero
da quella parte sì, e da quella parte
che, sarebbero venuti loro
non c'era che aspettare fino all'alba
con pazienza e rassegnazione
avrebbero risolto tutto quanto loro
senza fare il minimo rumore
avevano bisogno di loro
sarebbero venuti in volo.

E centomila mani cominciarono
ad alzarsi verso il cielo
si stava già facendo giorno
e non era arrivato nessuno.
Non si poteva, più, aspettare invano
qualcuno già diceva
che non esistevano nemmeno.......
........dovevano fare da loro,
fu allora che presero...
...il volo...

Quindici anni fa avevo un'altra religiosità pensavo che la gente non ci capisse niente


Quindici anni fa

Quindici anni fa
avevo un'altra religiosità
pensavo che la gente
non ci capisse niente
in tutto quello che facevo
in tutto quello che pensavo
poi ho incontrato te....
Ricordo che il tuo viso
mi ricordava qualcun'altro
credevo d'averti già visto
magari su un fotoromanzo
e quando te l'ho detto tu ridesti molto
poi tutto venne da se....

Comunicare è facile
facile come pensare
quando ci si vuole capire
e ci si lascia andare
ad un certo punto si comincia a vibrare
finché si rimane intontiti ad ascoltare
l'amoree...............eeeh.....

Quindici anni fa
credevo di essere arrivato già
a delle conclusioni
a delle spiegazioni
per tutto quello che facevo
per tutto quello che pensavo
poi ho incontrato te

E tu cambiavi sempre
dicevi che maturare
significa cambiare
e che fermarsi infondo è
come morire
e lo volevi dire
e lo volevi urlare
ed io urlavo con te.....

Dimenticare è facile
basta non ricordare
si può perfino ridere
anche se tu lo facevi male
non ho capito cosa è successo
però cosa non si poteva più andare
cielo aperto....

E' arrivata.... a lei piace ballare ama farsi guardare


La strega (La diva del sabato sera)

E' arrivata....
a lei piace ballare
ama farsi guardare
non sopporta la gente
che annoia e che rompe
alza sempre la voce
sa sempre tutto lei
e anche quando c'ha torto
non lo ammette mai
lei è molto sicura di essere sempre la prima
ed è molto nervosa proprio
come una diva
C'è chi dice è una strega
tanto lei se ne frega
ai giudizi degli altri
non fa neanche una piega
fa l'amore per gioco,
e le piace anche poco
non s'impegna abbastanza
la testa non la perde mai.

Entra il sabato sera
nella sua discoteca
con le amiche fidate
tutte molto affamate
poi da vera regina
dà le dritta ad ognuna
quello è il maschio più bello
non toccatemi quello.
Fuma marijuana
di nascosto però
non dalla polizia
ma da Edwige e la zia, eh!

C'è chi dice è una strega
tanto lei se ne frega
ai giudizi degli altri
non fa neanche una piega
fa l'amore per gioco
e le piace anche poco
non si impegna abbastanza
la testa, la testa
non la perde mai,....guai.

C'è chi dice è una strega
tanto lei se ne frega
ai giudizi degli altri
non fa neanche una piega
fa l'amore per gioco
e le piace anche poco
se conviene fa finta
ma infondo la testa
non la perde mai....

Io me ne stavo tranquillo facendo finta di dormire lei s'avvicina piano facendo finta di sognare


Io non so più cosa fare

Io me ne stavo tranquillo facendo
finta di dormire
lei s'avvicina piano facendo finta
di sognare
e poi mi tocca una mano
dolcemente piano, piano.
Io non mi muovo sto fermo
la lascio continuare
lo so benissimo ma voglio vedere
dove vuole arrivare.
Lei s'avvicina ancora un po'
mi sfiora con le labbra
o cosa non lo so.

Io non so più cosa fare
a questo punto mi dovrei svegliare
forse dovrei saltargli addosso
come fossi un animale
e dovrei essere molto virile
e continuare, magari per più di due ore
....eeeh troppo.

Naturalmente lei insiste
mi vuole proprio fare
magari è femminista
e non vuole certo farsi violentare
ma vuole gestire
allora come devo fare
dove la bacio, come la devo toccare, eh..

Però, però, però
che strano come è dolce
quel modo di toccare
sembra quasi una bambina
che non sa più come fare
per farmi capire,
che non devo dormire
vuole fare l'amore....
ooh, anch'io...anch'io, anch'io...eeh

Anch'io vorrei, Dio se vorrei
Dio se vorrei lasciarmi andare
vorrei toccarla, baciarla
come mi viene in modo naturale
o forse è meglio lasciare stare
non posso rischiare
forse è meglio che mi rimetta a dormire.

domenica 22 maggio 2011

Comunque non è questo il modo di fare, disse il commerciante all'uomo del pane


Fegato spappolato

Comunque non è questo il modo
di fare, disse il commerciante all'uomo del pane
domani sarà festa in questo
stupido paese, non per noi
che stiamo a lavorare.
L'uomo del pane fece finta di niente,
se ne andò tranquillamente, 'ente, 'ente,
Aveva, tante, tante, tante cose da fare,
poi lui non ci poteva fare niente, niente
La primavera insiste la mattina
dalla mia cucina vedo il mondo tondo,
sempre diverso, sempre ogni mattina,
sin dal giorno prima,
dal giorno prima
con in bocca un gusto amaro che fa
schifo chissà cosa è stato, quello che ho bevuto,
m'alzo dal letto e penso al mio povero,
fegato, fegato spappolato,
fegato, fegato, spappolato
Dice mia madre devi andare dal dottore
a farti guardare, a farti visitare,
hai una faccia che fa schifo
guarda come sei ridotto,
mi sa tanto che finisci male.
La guardo negli occhi, con un sorriso strano,
eppure la vedo, forse ha ragione davvero

Ma fuori c'è la festa del paese
vado a fare un giro,
non l'ho neanche detto,
che già mia madre mi corre dietro con il vestito nuovo,
la fuga è veloce mi metto le scarpe che sono già in strada,
che bella giornata, non bado alla gente che guarda sconvolta,
ormai ci sono abituato, sono vaccinato,
sono controllato,
si pensa ormai addirittura in giro,
è chiaro che sono drogato.

La festa ha sempre il solito sapore,
il gusto di campane, non è neanche male,
c'è chi va a messa e c'è chi pensa di fumare
come aperitivo prima di mangiare.
Fini s'è alzato da poco, e non è ancora sveglio,
non è ancora sveglio, ed è talmente scazzato
che non riesce a parlare nemmeno.

La sera che arriva
non è mai diversa dalla sera prima
la gente che affoga nell'unica sala LA DISCOTECA
ci vuol qualcosa per tenersi a galla sopra questa merda
sopra questa merda
e non m'importa se domani
mi dovrò svegliare con quel gusto in bocca, gusto in bocca,
gusto in bocca,.........

Respiri piano per non far rumore ti addormenti di sera ti risvegli con il sole


Alba chiara

Respiri piano per non far rumore
ti addormenti di sera
ti risvegli con il sole
sei chiara come un'alba
sei fresca come l'aria.
Diventi rossa se qualcuno ti guarda
e sei fantastica quando sei assorta
nei tuoi problemi
nei tuoi pensieri.
Ti vesti svogliatamente
non metti mai niente
che possa attirare attenzione
un particolare
solo per farti guardare.
E con la faccia pulita
cammini per strada mangiando una
mela coi libri di scuola
ti piace studiare
non te ne devi vergognare

E quando guardi con quegli occhi grandi
forse un po' troppo sinceri, sinceri
si vede quello che pensi,
quello che sogni....

Qualche volta fai pensieri strani
con una mano, una mano, ti sfiori,
tu sola dentro la stanza
e tutto il mondo fuori

Domani sera scrivo a mia madre, che non voglio tornare sto troppo bene le dico prepara il letto solo per Natale


Faccio il militare

Domani sera scrivo a mia madre,
che non voglio tornare
sto troppo bene le dico
prepara il letto solo per Natale
- astro del ciel...-
che tanto prima non voglio tornare
per quello che ho da fare
faccio il militare
e non mandarmi nemmeno dei soldi
che qui non serve nemmeno averli
tanto è uguale
Domani sera sono di guardia alla polveriera
mi scoccia un poco a dire la verità
perché è domenica sera
ma non ci si può rilassare
i Russi possono arrivare
ogni ora, ogni ora,
e se ci portano via le armi
come facciamo la guerra dimmi... coi bastoni?
"ma io non lo so ....io piango e basta"
domani c'è esercitazione di tiro con il cannone
spariamo colpi che possono arrivare
fino in Giappone.....Buuuuuu....
ma non si può provare
non si può stare a sparare in giro
Non siamo mica gli Americani
che loro possono sparare agli Indiani
VACCA gli Indiani,
Non siamo mica gli Americani
che loro possono sparare agli Indiani
VACCA gli Indiani............................
.............................................
Non siamo mica gli Americani
che loro possono sparare agli Indiani
VACCA gli Indiani............................

Tu che dormivi piano quasi non ti sentivo ed allungavo la mano tra le lenzuola il tuo viso


Tu che dormivi piano

Tu che dormivi piano
quasi non ti sentivo
ed allungavo la mano
tra le lenzuola il tuo viso
Io respiravo piano
in quel silenzio calmo
il giorno entrava dal vetro
più che indeciso sorpreso!

Illuminava scontroso il tuo viso
geloso o forse stupito
ma ecco i tuoi occhi si schiusero appena
"da quanto tempo sei sveglio?"

Io sono qui da sempre anima mia
tu sei......beh
Vidi un sorriso bagnarsi di pianto
"dimmi soltanto il tuo nome"

Le anime calde si fusero insieme
sospese in mezzo alla stanza
mentre il soffitto sembrava cadere
stringevo in pugno la vita.

"Guarda che puoi restare qui
qui...fino a quando vuoi"
lei non rispose uscì dal letto e poi
potrei giurarlo....volò via