mercoledì 11 maggio 2011

Tu che dormivi piano quasi non ti sentivo ed allungavo la mano tra le lenzuola il tuo viso Io respiravo piano in quel silenzio calmo il giorno entrava dal vetro più che indeciso sorpreso!

Nessun commento:

Posta un commento